Giappone

Destinazione molto affascinante, merita un viaggio approfondito, consiglio 4 notti a Tokyo e altrettante a Kyoto, e’ un viaggio che puo essere intrapreso anche senza un tour di gruppo, grazie al sistema capillare ed efficientissimo dei servizi pubblici e la situazione sociale del tutto tranquilla  un viaggio su base individuale non comporta nessuna controindicazione. – 12 ore di volo da Roma (diretto) 8 ore di fuso orario, e soprattutto completamente un altro mondo. I giapponesi sono: ordinati, schematici, assolutamente onesti, disponibili. Il giappone e l’inglese: in Giappone si parla inglese negli alberghi , nelle stazioni , nei negozi e ristoranti del centro, meno in periferia, e nelle piccole città, ma in tutti i posti turistici ci sono indicazioni in inglese, (metro, hotel, ristoranti).

N.B. nelle stazioni della metro periferiche non sempre le indicazioni delle stazioni sono scritte anche in inglese.

I giapponesi e il fumo: per strada non si fuma se non in smoking areas ben delineate, in compenso si puo fumare nei ristoranti, e in molti locali chiusi.

I giapponesi e il rispetto: sicuramente e’ la prima cosa che si nota in giappone,  parlano tutti a voce bassa, nelle metro levano la suoneria dei telefoni, il rispetto dell’uomo, ma anche della “cosa pubblica” e della natura sono evidentissime, le strade, malgrado i 13 milioni di persone di Tokyo sono pulitissime, non si trovano carte per terra e tantomeno mozziconi di sigarette, tutti i giardini sono tenuti benissimo anche e soprattutto quelli pubblici. I giapponesi se raffreddati girano con la mascherina, per non contagiare le altre persone.

Il Giappone e la religione: i giapponesi sono Shintoisti: una religione che inquadra nella natura la divinità piu importante, questa religione non preclude ad altre religioni, per questo motivo la maggior parte dei giapponesi oltre ad essere shintoisti sono anche buddisti.

I giapponesi e il rapporto con gli altri: non amano parlare di loro, dei loro rapporti interpersonali, e della loro vita in generale; secondo alcuni trattati i giapponesi ritengono mediamente che la loro vita non sia cosi interessante da essere raccontata agli altri, sicuramente comunque sono molto riservati e abbastanza impacciati nei rapporti interpersonali.

Il Giappone e la storia: la maggior parte delle manifestazioni architettoniche presenti in giappone sono figlie dei periodi dello Shogunato (una sorta di feudalesimo) dai palazzi imperiali, ai santuari.

Tokyo: 13 milioni di abitanti  (inclusa la “periferia”), 9 milioni nel solo distretto di Tokyo, ci si aspetterebbe un traffico allucinante, ma sembra di essere in un periodo estivo in una città italiana, un po di traffico ma niente di eclatante, anche grazie all’eccellente servizio di metropolitana e ferrovia che collega Tokyo in tutte le sue parti e quartieri.

Dove dormire:  chiaramente in una città cosi grande, non e’ facile individuare una zona dove dormire, secondo me la zona che offre di piu anche per una passeggiata serale e’ il quartiere di Shinjuku, ad ovest della città, una zona molto movimentata, piena di locali, ristoranti, negozi ecc. chiaramente ha una sua stazione della metropolitana.

A sud di Shinjuku c’e’  Shibuya, famoso quartiere a causa del suo primato, il suo incrocio principale all’uscita della metro, e l’incrocio piu trafficato al mondo : circa 3 milioni di persone al giorno , all’uscita della metro c’e’ la statua di “Hachiko”, cane reso famoso dal film omonimo con Richard Gere, in zona c’e’ uno dei santuari piu visitati di Tokyo il Meiji-jingu, dedicato all’imperatore Meiji, (il sabato e domenica e’ facile assistere a matrimoni o benedizioni dei bambini).

Tornando a nord troviamo la zona di Ueno, con il museo nazionale di Tokyo, a nord di questo quartiere ce n’e’ un altro piu piccolo che difficilmente viene visitato, e’ un quartiere residenziale , con stradine, negozietti, anche per allontanarsi dalla frenesia di del “centro” e la zona di Tanaka, bellissimo quartiere, sembra di essere in un’altra città tutto a misura d’uomo, senza macchine… nelle vicinanze il tempio buddista di Senso-Ji, forse il piu grande di Tokyo, molto bello da vedere, di fronte all’entrata del tempio c’e’ una stradina che in teoria farebbe parte del tempio stesso, dove ci sono una marea di negozietti che vendono dolci, souvenir, kimono ecc.   scendendo leggermente verso sud  si arriva al Quartiere di Akihabara che e’ il quartiere dei cartoni, dei cosplay… e’ possibile andare a prendere un caffè in uno dei locali dove le cameriere sono vestite da personaggi dei cartoni.

Ad est invece troviamo il Museo Edo (antico nome di Tokyo) dedicato alle tradizioni giapponesi dove ci sono riprodotti antiche case e botteghe giapponesi , una ricostruzione di un ponte dell’epoca degli shogun ed e’ molto interessante.

A centro  sud della città c’e’ invece il quartiere di Ginza  , forse uno dei piu famosi di Tokyo , ci sono centinaia di negozi tra cui grandi firme, ma personalmente lo trovo forse quello meno caratteristico della città.

Subito a Sud di Ginza troviamo “Hamariku garden” un classico giardino giapponese in piena città di Tokyo, ci sono ciliegi, prugni ecc. ed e’ moltro frequentato dai giapponesi soprattutto nei periodi della fioritura dei ciliegi…

Odaiba: e’ un’isola artificiale di all’estremo sud della città raggiungibile con la metro , e’ la zona dove si riuniscono molti ragazzi, e’ famoso per il Gundam gigante, ma ci sono tanti locali e attività per giovani.

Infine il vero centro di Tokyo, dove c’e’ il palazzo imperiale che in realtà non puo essere visitato se non un giorno l’anno… La zona meno interessante di tutto il resto.

Kyoto: la città che non ti aspetti, abbiamo sempre sentito parlare di Kyoto come la città piu tradizionale delle grandi città del Giappone, in realtà e’ una citta supermoderna.

Arrivando in stazione ci si rende conto che tutta la vita della città si svolge in questa zona, una marea di negozi, ristoranti di qualsiasi tipo, centro nevralgico della città collegata con tutto il resto della città e vicinanza grazie a treni e metro, consiglio di dormire in questa zona, che a differenza delle nostre stazioni e’ assolutamente tranquilla e comoda.

Il Ryoan-ji, con il suo giardino zen piu famoso del giappone, in origine residenza di antica ricca famiglia della zona. Nelle immediate vicinanze uno dei tempi piu visitati del giappone il Kinkaku ji, conosciuto come tempio del padiglione d’oro, grazie alle foglie d’oro che ricoprono uno il padiglione, il giardino che lo circonda e’ bellissimo.

Ma forse il piu bello di tutti è il Nijo-jo castle, uno dei tanti protetti dall’unesco ,originariamente fortezza con tanti edifici interni, e castello in legno piu antico del mondo  bellissimi i giardini.

Nel quartiere di Higashiyama, si trova la zona di Gion, famosa per essere il quartiere delle geishe piu grande del Giappone, ma anche il resto del quartiere e’ bellissimo, con abitazioni e negozi caratteristici e dove si trova il tempio Kiyomizu dera, l’enorme tempio simbolo di Kyoto, sicuramente il piu visitato del Giappone, arroccato su pilastri di legno arroccati su un dirupo. Sulla via del ritorno percorrendo la Kiyomizu zaka, si incontrano centinaia di negozi in legno in un’atmostera che riporta al 1600.

Da Kyoto in mezz’ora di treno si raggiunge Nara, prima capitale del giappone, in città non c’e’ niente da vedere, ma il parco a circa 2 chilometri dal centro della città e’ il parco cittadino  piu grande  di tutto il giappone, 500 ettari,  ci vivono 1500 cervi (animali sacri per la religione shintoista,  con le corna tagliate, per evitare incidenti).Il  parco oltre la sua bellezza, le  lanterne in pietra, i cervi; racchiude tantissimi reperti antichi, santuari, pagode, un bellissimo lago (sarusawano-ike). all’interno anche il museo nazionale di Nara, con tanti reperti antichi di arte buddista.

Percorrendo la strada che porta al santuario Kasuga taisha , si incontrano lanterne in pietra e subito prima dell’ingresso del santuario , nel piazzale lanterne di bronzo appese su una struttura color vermiglio.

Il tempio di Todai- Ji, contiene la struttura in bronzo piu grande al mondo .

A 2 fermate di metro dalla stazione di Kyoto, si raggiunge facilmente  Fujimi, famosa per il suoi Torii arancioni che accompagnano per una passeggiata  di circa 2 chilometri in salita.

Immersi nella natura, praticamente una galleria continua arancione, questi torii sono donazioni di famiglie alle divanita.

Foresta di Bambu: molto bella, sia per il senso di pace che infonde sia per il rumore del vento che passa attraverso le canne di bambu…

giappone